Close

Il tesoro del Lisano

Anni or sono, nei nostri paesi, si pagavano le decime delle biade prodotte nei campi o ai dinasti o direttamente al Principato vescovile di Trento. Questo non facevano gli abitanti del paese di Ragoli, perché se n’erano liberati mediante lo sborso, fatto in antico, d’una buona somma di danaro sonante al Principe Vescovo di Trento, come parla una lapide di marmo nero di Cerana (località presso il detto paese) collocata nella muraglia interna di mezzodì della vecchia chiesa di San Faustino, in caratteri che si dicono gotici. “Ma dove presero tanto denaro?” dirà più d’uno.

Si narra (questo è il racconto) che se ne liberarono mediante un tesoro dissotterrato presso il ponte del Lisano, a sinistra della vecchia strada che conduce da Ragoli a Stenico. Dove imbocca la valle d’Algone. Dal ponte, gettato sul torrentello Lisano che percorre questa valletta, tuttora si vedono, scavate per metà nel masso, due buche rotonde come il fondo di un paiolo.

Un certo Ignazio dei Ragoi, notaio in quel di Roma, avendo dimestichezza nella lettura e nella ricerca di testi antichi, trovò in un archivio della città un libro polveroso e in disuso che riportava la mappa di un tesoro nascosto nelle vicinanze del ponte del Lisano.
Si fece preparare dal suo servo un cavallo tra i più veloci che aveva nella stalla e nottetempo partì alla volta di Ragoli. Durante il tragitto si fermò presso una locanda, si riposò, abbeverò il cavallo e, udito un martellare continuo lì vicino gli venne in mente che gli occorreva un piccone robusto: passò quindi dall’officina del fabbro, sul retro della locanda.

Giunto finalmente al torrente del Lisano diede la prima picconata e restando di sasso, vide apparire una figura diabolica, schizzante fiamme, che era posta a gambe divaricate, sulle due rive del fiumiciattolo.
Per qualche istante rimase come di ghiaccio. Tutto tremante corse in paese e raccontò l’accaduto ai Ragolesi. I più coraggiosi si recarono, la notte, sul posto e videro apparire lo stesso losco individuo che sghignazzava e sputava fuoco incendiando qua e là ciuffi di erba secca.

I paesani decisero che bisognava dare battaglia agli spiriti maligni del Lisano. Perciò pensarono subito a don Battista, il prete del paese. A quell’ora, saranno state le cinque del mattino, era senz’altro in chiesa davanti al suo breviario per le orazioni mattutine. Senza bussare, i contadini si precipitarono in sagrestia e scongiurarono il prete di recarsi sul luogo malefico e, con l’acqua santa, far fuggire il diavolo. Don Battista, terrorizzato, ci pensò su un bel po’: “Non posso – mentì – devo far visita a certi malati che versano in punto di morte… e nemmeno se mi pagate in oro sonante, verro là!”.

I popolani testardi e cocciuti si recarono in massa sul posto del tesoro e, armati di coltellacci, roncole, bastoni, forche, vanghe e rastrelli urlarono a tal punto che i monti circostanti mandavano l’eco delle loro imprecazioni. Improvvisamente dal terreno, reso incandescente dalle fiamme, apparve il solito demonio che a poco a poco si stava trasformando in un caprone cornuto e lanoso. A quelle minacce, il diavolo divenuto caprone, con agili balzi fra le rocce scappò verso la Sarca, giù fino al Pont de Pià dove scomparve nella Forra del Limarò.

I ragolesi allora, tirarono un sospiro di sollievo e con grande lena, afferrate le vanghe e i picconi, iniziarono a rimuovere sassi e terreno, terreno e sassi… Finalmente un tintinnio inaspettato contro le vanghe li fece sussultare. I paesani, incuranti del sudore e della fatica, proseguirono con maggior foga nella ricerca e…: “Meraviglia!” dissotterrarono due pentoloni strapieni di monete d’oro fino.

Che fare di tanto denaro? I saggi del paese si ricordarono di quanto fosse oneroso da pagare il prezzo delle decime. Esse mettevano in ginocchio il guadagno dei contadini…, i supervisori del feudatario erano sempre lì come avvoltoi, nemmeno un sacco di grano sfuggiva al loro controllo!
Ecco dunque l’idea di recarsi a Trento dal Principe Vescovo e offrirgli tutto il denaro possibile di quel tesoro per cancellare le decime!

Giunti al palazzo del Vescovo si fecero annunciare. L’illustre personaggio li attendeva impaziente nel grande salone del castello. All’oscuro del ritrovamento, si domandava come mai, contadini sempliciotti e analfabeti, chiedessero di lui. Un sorriso ironico sfiorò il viso del Principe Vescovo. Tirò la corda della campanella e un servitore accorse. “Traccia sul pavimento – ordinò il Vescovo – un cerchio grande come quattro passi di san Vigilio. E voi – continuò rivolto ai contadini di Ragoli – riempite questo cerchio di monete d’oro e sarete liberati per sempre dal pagamento delle decime!”.

Il cerchio scomparve a poco a poco sotto una montagna di scintillanti danari. Il Vescovo rimase di stucco per tanta abbondanza e fermò il baldanzoso “ragol” che voleva aggiungere altre palate per bravata ed esclamò: “Sufficit, Sufficit!”
Così tutti i “Ragoi” furono liberati per sempre dal pagamento delle decime.

Richiesta informazioni

Piuma

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Comunità delle Regole di Spinale e Manez e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/ iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.



Piuma

Comunità delle Regole di Spinale e Manez
Via Roma, 19 - 38095 TRE VILLE TN

0465 322433
info@regolespinalemanez.it
0465 323123

ORARIO UFFICIO
dalle 08,00 alle 12,00 dal lunedì al venerdì

Grazie

Ti abbiamo inviato una email. Per attivare la newsletter clicca sul link che troverai nel messaggio, grazie!

Iscriviti alla newsletter

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla
Chiudi
CHIUDI

This is a title
and this is still a title


Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi