Close

Una storia quasi millenaria

Una storia lunga secoli e che ha superato epoche, imperi, regimi fino alla riconosciuta attuale autonomia del secondo dopoguerra.

“La Comunità delle Regole di Spinale e Manez è una comunanza agraria esistente ab immemorabili, di proprietà delle popolazioni dei Comuni di Ragoli, Montagne e Preore […]. I terreni e beni immobili di detta Comunità […], sono inalienabili, indivisibili e vincolati in perpetuo a destinazione delle popolazioni di cui sopra […]”. (statuto 1960, art. 1) “… sono costituite, amministrate e godute in base a norme fissate da usi secolari, da transazioni, da sentenze e dal costante riconoscimento delle Autorità politiche, amministrative e giudiziali che in base alle vicende storiche del dominio e della legislazione ebbero a reggere il nostro paese per il lungo spazio di almeno otto secoli.” (statuto 1926, art. 1)

Le comunità rurali

Le Regole di Spinale e Manez fondano le proprie origini nell’antico fenomeno delle comunità rurali il cui presupposto è quello del patrimonio fondiario libero ed indiviso, a cui avevano diritto i componenti originari della stessa comunità. Nella fase iniziale della loro esistenza dunque, le Regole di Spinale e Manez non si differenziano dalle altre comunità rurali delle Giudicarie.

Nel corso dei secoli, per le diverse vicende che le hanno caratterizzate e che cercheremo di raccontare, le Regole si sono distinte sempre più dalle altre comunità rurali dello stesso ambito storico e geografico fino a diventare un istituto unico che non può essere assimilato a quello degli usi civici come sono state definite altre comunità rurali. Le Regole di Spinale e Manez, per la quantità di documenti storici e giuridici giunti fino a noi, per la ricchezza del patrimonio silvano ed alpestre, per la loro costante ed attiva presenza a livello istituzionale, si possono senza dubbio considerare la proprietà collettiva più importante delle Giudicarie e una delle più note e rilevanti anche dell’intero panorama Trentino.

Ipotesi sulla nascita delle Comunità Rurali

In assenza di documenti si possono solo formulare delle supposizioni circa la nascita delle comunità rurali. Fonti diverse sono d’accordo nel considerare alcune principali ipotesi: pre-romana, romana, germanica (longobarda),feudale, di acquisto. La certezza che si tratti di istituti molto antichi porta a ritenere le prime ipotesi quelle più probabili, in particolare la tesi romana è supportata dallo studio etimologico dei nomi dei paesi (ville) comproprietari delle Regole: i nomi con suffisso –ana sono infatti di epoca romana e nel nostro caso abbiamo Bolzana, Cerana, Larzana. Per quelli che si differenziano troviamo comunque un riferimento della stessa epoca: Vigo è il nome comune dei centri rurali romani, Coltura è il nome latino che significa l’insieme dei terreni arativi.

Un’ipotesi più lontana nel tempo riconduce le origini delle comunità rurali e del concetto di patrimonio “indiviso” addirittura all’epoca dei Reti, cioè 1.000 anni avanti Cristo. Il territorio della Rezia comprendeva anche l’attuale Trentino Alto Adige e sembra che fu il popolo dei Reti ad introdurre la distinzione tra “diviso” e “indiviso”. L’indiviso era costituito dal terreno che non veniva spartito e che rimaneva di proprietà dell’intera comunità. Essendo le Regole patrimoni “indivisi” di antichissima origine, è probabile che questa tesi sia credibile.

Un’ultima teoria è quella dell’evoluzione del possesso fondiario dall’originaria proprietà comunista alle attuali forme di coltivazione privata: La comunità rurale o comunanza agraria nasce come necessità e si fonda sul concetto di patrimonio “indiviso” finché la fonte di sostentamento dai terreni è quella naturale della caccia, della pesca e della raccolta dei frutti del bosco, o quella della fase successiva dell’allevamento e del pascolo sul terreno. Il patrimonio cessa di essere indiviso quando ad integrazione del pascolo estivo si introducono attività più complesse come la coltivazione dei campi e la segagione, e per effetto dell’aumento della popolazione.

Stemma antico e nuovo marchio

Lo stemma delle Regole di Spinale e Manez, due spade con impugnature diverse incrociate sopra una rosa, si ritrova fin nei documenti più antichi della comunità: una sorta di sigillo o timbro che fino ad oggi è stato usato sugli intestati e sui documenti come un vero e proprio marchio.
La sua origine è probabilmente araldica in quanto gli elementi che lo compongono sono legati alla simbologia medievale, un periodo storico nel quale era usanza per tutte le organizzazioni sociali e le corporazioni, oltre ai comuni, le casate, il potere militare, ecc. adottare un simbolo di identificazione.

La spada in araldica è una figura artificiale molto ricorrente e quindi carica di diversi significati: nei simboli cavallereschi essa rappresenta la giustizia e possiamo facilmente pensare che fosse proprio questo il significato che la comunità ha voluto attribuirle.
La rosa è invece una figura naturale di significato simile al giglio: speranza, aspettazione del bene, purezza, candore dell’animo. Nello stemma della comunità viene rappresentata in modo un po’ diverso dalle tradizionali raffigurazioni: ha infatti più di cinque petali oltre a gambo e foglie che di solito non appaiono.
Nel 2006 le Regole di Spinale e Manez hanno deciso di affidare ad un’agenzia grafica un’operazione di restyling del marchio al fine di dargli una forma grafica precisa, riconoscibile e di facile lettura. Il lavoro grafico, basato su un preciso studio delle origini del simbolo, ne ha reso le forme più regolari, togliendo parte del carattere illustrativo dovuto anche alle imprecisioni nei vari rifacimenti manuali.
La nuova veste grafica è stata elaborata con l’obiettivo di mantenere e sottolineare i valori della storicità, della naturalità e dell’eredità culturale.
Anche la scelta dei colori è stata accurata, mirata a rappresentare il legame della comunità alla sua terra attraverso la pulizia, l’organizzazione e la distribuzione del patrimonio territoriale.
Il nuovo “marchio” della comunità delle Regole è stato introdotto per la prima volta nell’ambito di una particolare operazione di comunicazione realizzata attraverso la posa di una segnaletica sugli immobili di proprietà delle Regole distribuiti su tutto il territorio.
Per questa operazione il marchio è stato “scorporato” in modo da abbinare i diversi elementi ad altrettanti elementi del territorio e della proprietà delle Regole: la rosa è così accostata agli edifici naturalistici come le malghe e il vivaio, la spada con impugnatura a croce si trova presso gli edifici ad uso pubblico come i rifugi, la spada ad impugnatura semplice è infine abbinata agli edifici civili e alle rappresentazioni istituzionali della Comunità.
Il vecchio stemma delle Regole:

Richiesta informazioni

Piuma

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

Il titolare del trattamento dati è Comunità delle Regole di Spinale e Manez e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/ iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.



Piuma

Comunità delle Regole di Spinale e Manez
Via Roma, 19 - 38095 TRE VILLE TN

0465 322433
info@regolespinalemanez.it
0465 323123

ORARIO UFFICIO
dalle 08,00 alle 12,00 dal lunedì al venerdì
dalle 13.30 alle 15.30 dal lunedì al giovedì

Grazie

Ti abbiamo inviato una email. Per attivare la newsletter clicca sul link che troverai nel messaggio, grazie!

Iscriviti alla newsletter

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Annulla
Chiudi

Vota la foto n°

Il tuo voto è segreto

Attenzione: puoi votare solo una foto!


Dichiarazione in merito al GPDR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)

In caso di sottoscrizione Newsletter l’utente dovrà confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

  • la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
  • l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) o fisico (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
Annulla
CHIUDI

This is a title
and this is still a title


Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi