A A A
Home page

I Montagnoi i va en malga

La leggenda è stata pubblicata la prima volta sul n. 6 del periodico “El nos Paes” (“il nostro paese”, edito a cura della Pro Loco di Montagne), si tratta di un contributo di Emilia Simoni di Montagne, che ha il valore soprattutto di descrivere l’itinerario e i sistemi di salita alle malghe dello Spinale da parte della gente di Montagne. La monticazione prevedeva infatti il passaggio su varie proprietà per cui era necessario chiedere ai comuni interessati la “concessione di una servitù di passaggio”, sia all’andata che al ritorno. Per i Montagnoi il Comune più strategico era quello di Fisto, in val Rendena, col quale a fine ‘800 sorse una controversia per una mancata concessione della servitù di passaggio, completamente ignorata dalla gente di Montagne, la cui unica preoccupazione era quella di portare le bestie in malga!
Dent par la Rendena i diceva: “i Montagnoi i va en malga; se cambia el temp” per via de col castigo. Enfati, i Montagnoi no i e mai nadi a Spinal senza l’ombrela parchè l’era propi vira che el pioveva sempro. E le vache, pore bestie, no le nava miga col camioni nianca eli, no.
… chi sa se le vache montagnole le era felici quan che le nava a Spinal ai freschi! Putei, che viac par rivar su! I vedeloc po, che cagna farli rivar! Se sèra begn contenc quan che se sèra rivadi!
Prima de menarle en malga però i ga ongeva begn begn el fil dala schena con la songa, parchè i diceva: “Se anca i ciapa i temporai, l’acqua no la se ferma sula schena e la bestia la sta pu begn, no la patis el fret”.
Gial prosac da coi pori struscion che menava le bestie, gh’era en pan, ma l’era par en qualche vedelot o par na vaca meza en toch, parchè i soportes le fadighe da viac: Par ei i gheva na feta de polenta sorda! I ga voleva propi begn a le so bestie, sti agn, ma par forza, le era tuta la so entrada!
Però a pensar begn, anco le par robe quasi de fantascienza! I partiva che no l’era gnamò dì, a grupi en po destacadi, parchè dal Pra da l’Asan en giù par i Fistc no le se enmucese tute ensema, parchè le era en bel poche le vache dai Montagnoi.
Vargugn gh’era dinanc che i ciamava; po ga n’era en mez par tegner controlà; i altri i era di drè che parava fin a Fist o a Bozanach; alora le se “stradava via” e bastava de men gent e vargugn podeva tornar en dre. I altri i neva pian pian enanc, su par tuta la Rendena, fin en Campei, po sal Camp e amo su fin sala Poza. (1)
Lì ghera en stalon par le vache e la casina en do che stava i vacher e en do che vegneva laorà el lat. I vacher i toleva en consegna ogni bestia, cosita chi che l’eva compagnade i podeva torna endre e i pu tanc, almen sti agn, i nava amo a pè parchè i soldi da tor el postal ‘n ga n’era pochi ghe gaieva. Ga pareva de esar già siori a no verga pu le vache da guernar par 50 o 60 dì a nar begn.
Quan che l’era ora de nar a torle l’era n’altra sfadigada, ma alora ciao, dopo gh’era da spartir i formai e le puigne e l’era già na bela sodisfazion anca se a volte gh’era poc da spartir. Che bon col formai e come che i le teneva da cont! Le puigne i le stagionava e vegneva fo el famoso pugnel par engratumar (2) i gnoc da magnar quan che gh’era na qualche bela festa o ricorrenza.
(1) Poza; malga Montagnoli, el gras.
(2) Engratumar; spolverare, dopo averlo grattugiato, il formaggio di ricotta di malga, stagionato al sole di Montagne