A A A
Home page

2003: tempo bianco

2-31 agosto 2003

Capanna Hofer allo Spinale – Madonna di Campiglio

Un breve ritorno a un passato che non tornerà più, con il suo fascino, le sue difficoltà, la sua bellezza.
Una storia d’altri tempi, una nevicata lunga più di un mese, un paese avvolto in una coperta spessa molti metri. Il torpore dell’isolamento, la strada scomparsa, la solitudine condivisa. Un campanile emerge; emerge la fatica dell’uomo nel liberarlo dal peso dell’enorme coltre bianca. Nemmeno le tenebre hanno ragione del candore illuminato da fioche lampadine. Avrei voluto vivere in quel momento, respirare l’aria mai così pura, rivedere il cielo dopo aver ammirato il cadere di milioni di fiocchi di neve.
Quel momento non sarà mai più. Solo quei ricordi in bianco e nero, la loro indelebile memoria racconteranno quella fiaba non scritta, con la forza di quell’attimo impresso sulla pellicola.
Quell’inverno fantastico come il più bello dei racconti, dove la fata bianca con una sorta d’incantesimo copre il paese con l’effimero luccichio dei cristalli di neve, solo la forza del sole riporterà alla sua luce le case, le strade, la nuda roccia delle nostre montagne.
Chissà se il fragore di quel silenzio rotto dalla goccia che cade, dalla primavera che ritorna, lo sentiremo ancora.
Attimo di storia passata, romantico e lontano, e con lei resta l’umano scorrere della vita che lentamente si consuma come neve al sole.
Immagine mostra
Un'immagine della mostra, del fotografo Bisti
La mostra
Una meravigliosa raccolta di immagini in bianco e nero, fotografie di quel magico inverno del 1951 in cui l’abbondante neve trasformò Campiglio in una regina bella come non mai… una memoria storica importante, che ci arricchisce, da conoscere e far conoscere.
L’esposizione rientra come al solito nella programmazione de “Il Mistero dei Monti”, il progetto culturale ideato dal Gruppo Alte Quote e promosso dall’Apt Madonna di Campiglio, Pinzolo, Val Rendena, che per l’edizione 2002 è dedicato al tema dell’acqua. L’acqua nelle sue svariate forme, la più bella: la neve.
Grazie alla collaborazione della Comunità delle Regole di Spinale e Manez, la mostra è allestita presso la Capanna Hofer, nello splendido scenario del Monte Spinale e delle Dolomiti di Brenta.
Le immagini esposte sono tutti scatti del fotografo campigliano Bisti, amorevolmente conservati dal figlio Paolo, anch’egli fotografo, che grazie a questa mostra ne condivide la poesia con gli altri campigliani e con i turisti affezionati alla località.


Immagine mostra
Un'immagine della mostra, del fotografo Bisti