A A A
Home page

Ski Area Spinale e Grostè

Lo sviluppo turistico di Madonna di Campiglio, soprattutto nella stagione invernale ha coinvolto anche la Comunità delle Regole di Spinale e Manez. I terreni di proprietà della Comunità rientranti nella Regola di Spinale, vengono infatti dati in concessione alla Società Funivie Madonna di Campiglio S.p.A. per la realizzazione di impianti e piste da sci.
Proprio il Monte Spinale fu teatro dei primi impianti di risalita: dal 1936 era raggiungibile con uno skilift da Campo Carlo Magno, utilizzato nel 1938 e ’39 per i Campionati Nazionali del Littorio. Nel 1947 venne poi costruita la seggiovia monoposto dello Spinale. Altre due sciovie, Capanna e del Sole, di accesso al Monte Spinale vennero costruite nel 1958; l’anno successivo venne realizzata la funivia dello Spinale mentre nel 1963 quella del Grostè. Nel 1966 venne aggiunta la seggiovia Rododendro, per collegare la zona dello Spinale con quella del Grostè; nel 1969 nacque la nuova seggiovia Nube d’Oro.
La superficie destinata a piste da sci nell’area dello Spinale e del Grostè è di circa 800.000 metri quadrati e rappresenta poco più del 60% della superficie totale delle piste di Madonna di Campiglio.
Le aree interessate sono quelle dello Spinale e del Grostè, gli impianti presenti sono i seguenti:
Cabinovia Grostè
Seggiovia Grostè
Seggiovia Rododendro
Seggiovia Boch
Cabinovia Spinale
Seggiovia Spinale
Seggiovia Nube d’Argento
Seggiovia Nube d’Oro
Ski area Grostè
La ski area del Grostè (foto Archivio Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena)