A A A
Home page

Capanna Hofer allo Spinale: il progetto

Il percorso di recupero e riqualificazione delle proprie radici storiche iniziato da qualche anno dalle Regole di Spinale e Manez, ha incluso necessariamente il recupero materiale e funzionale della Capanna Spinale.
L’obiettivo delle Regole era quello di ridare a questo manufatto il suo importante significato storico e culturale destinandolo alla conoscenza e alla divulgazione dei valori e delle tradizioni locali, con particolare attenzione al rapporto uomo-montagna, ovvero nel rispetto della natura delle regole stesse: la Capanna doveva diventare un simbolo della trasformazione avvenuta nell’uso del territorio, un vero e proprio “luogo della memoria”.
Nello specifico si è voluto creare uno spazio con destinazione museale-didattica, con appositi pannelli di allestimento e informazioni fotografiche relative alla storia e alle attività tradizionali della Comunità delle Regole. Una mostra permanente quindi dedicata alle Regole ed uno spazio adatto ad ospitare anche mostre temporanee, un modo per far rivivere ai giorni nostri la memoria storica dell’intera area dello Spinale e promuovere iniziative culturali direttamente sul territorio.
Il progetto di recupero è stato affidato nel 1999 allo studio tecnico dell’architetto Aldo Marzoli di Pinzolo, che ha saputo interpretare al meglio le vere intenzioni delle Regole di recupero di un edificio di inestimabile valore per la comunità. La fase preliminare ha riguardato il rilievo del fabbricato e l’analisi dettagliata di tutte le sue componenti strutturali e di tamponamento.
Da un punto di vista compositivo e formale l’obiettivo principale è stato quello di riportare la capanna Hofer ad una condizione il più vicino possibile a quella originaria, compresi i colori delle ante oscuranti: bianco e rosso, i colori della bandiera austriaca.
Inoltre, una della priorità alla base dello studio è stata la precisa scelta di ricreare un manufatto che si ponesse in perfetta sintonia con l’ambiente del Parco Naturale Adamello Brenta, attraverso un intervento di bioedilizia, il cui materiale principe è il legno.