A A A
Home page

La transazione del 1789

Più fortuna ebbero i parziari emigrati a Preore dalla vicinia di Ragoli che aveva riunito le ville di Favrio, Vigo e Bolzana. La causa durò ben 48 anni senza arrivare ad una sentenza definitiva tanto che nel 1789 fu sottoscritta dalle parti un’altra transazione: a differenza di quella del 1734 con i parziari di Preore venuti da Montagne, in questo caso i parziari oriundi di Ragoli ottennero il diritto al percepimento delle rendite di Spinale e Manez, con effetto immediato e per il futuro.
Ai parziari in causa, riconosciuto che l’amministrazione dei due monti doveva risiedere presso le Vicinie, fu concesso di inviare un proprio delegato presso l’amministrazione stessa. Tra i punti più importanti fu infine concordato che le Vicinie riunite non potessero fare nessuna azione contro i diritti dei parziari stabiliti nella stessa transazione.
Ancora più di quello del 1734, si tratta di un documento fondamentale per la moderna costituzione delle Regole.
Le due transazioni sono considerate gli ultimi atti liberi della storia delle Regole di Spinale e Manez, le vicende politiche dopo il 1789 ne condizionarono fortemente l’organizzazione e soprattutto ne minarono la secolare autonomia. Si dovrà arrivare alla seconda metà del 1900 per vedere riaffermata e tutelata la “forma unica” della nostra comunità insieme ad una ritrovata autonomia….

Documenti allegati